Tre chili di arance metalmeccaniche per i lavoratori Mangiarotti Nuclear

Clockworkers oranges. Cinque euro per tre chili di agrumi (biologici) di Sicilia; 2 euro e 50 vanno ai contadini siciliani che forniscono le arance,  l’altra metà ai lavoratori della Mangiarotti Nuclear. L’iniziativa è organizzata dalla Federazione della Sinistra, oggi con un gazebo in piazza Montanelli a Sesto San Giovanni. Arancia Metalmeccanica però nasce prima.

La Mangiarotti (fu Breda e ancor prima Ansaldo Energia) di Milano è l’unica azienda in Lombardia a produrre grossi componenti speciali per centrali nucleari. Nello stabilimento di Viale Sarca 336 lavorano attualmente 136 persone. L’azienda ha anche realizzato la prima centrale elettrica ad energia solare, per conto dell’Enel, ad Adrano (in provincia di Catania) . Per la federazione della sinistra di Sesto San Giovanni “è un’azienda leader che si vuole chiudere per un’ingiustificata delocalizzazione”.

In piazza a Sesto, a distribuire i sacchetti di arance, c’era anche Danilo Ferrati, operaio e delegato Rsu della Mangiarotti, candidato alle regionali per la Fds. “La gente però è un po’ diffidente”, dice Claudio La Corte, consigliere comunale di Rifondazione. Nel frattempo, la situazione dei lavoratori rimane critica. Per giovedi alle 6.30 è convocata un’assemblea straordinaria.

Advertisements

One Comment on “Tre chili di arance metalmeccaniche per i lavoratori Mangiarotti Nuclear”

  1. giovanniansaldo ha detto:

    non sapevo di avere anche un blog sulla politica


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...