Il nome del baccalà

La manovra agita i sonni dei lettori. Ci sentiamo in dovere di rassicurarli.

Lettera n. 1 (dal Corriere della sera, 26 maggio 2010, p. 41)

Tra una puntualizzazione e l’altra per chiarire il peso della manovra nei vari settori, osservo che manca la dilazione delle grandi opere, tra cui il ponte sullo stretto di messina il cui avvio era stato annunziato qualche mese fa. Certo non è tra le priorità; o ci si dimentica dei costi esorbitanti?

Gaetanina Sicari

Risponde il nostro collaboratore Dario Pisapia:
Caro Gaetanina, stai tranquilla. “Preoccupazioni per la realizzazione del Ponte sullo Stretto di Messina non dovrebbero esserci”, te lo dice anche Pietro Ciucci, presidente dell’Anas e della Società Ponte sullo Stretto. Le erogazioni arriveranno dal 2013. Allora la crisi sarà passata. Dice Ciucci.

Lettera n. 2 (dal Sole 24 Ore, 26 maggio 2010, p. 22)

Perchè il “condono edilizio” è diventato “regolarizzazione delle case fantasma”? Viene in mente la canzone di Paolo Conte: “Pesce veloce del baltico/dice il menù/e che contorno ha?/Torta di mais/ e poi servono/polenta è baccalà”. Suvvia chiamiamo le cose con il loro nome.

Davide Babini

Risponde il nostro collaboratore Dario Pisapia:
Caro Davide, è un po’ come alzare l’età pensionabile e dire che «chiediamo solo a chi si accinge di andare in pensione di restare al lavoro qualche mese di più». Però 900 rimane sempre uno dei dischi più belli di Paolo Conte.

Annunci


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...