Walter Tobagi, trent’anni dopo

Il 28 maggio 1980 Walter Tobagi veniva ucciso da un commando di terroristi. In Come mi batte forte il tuo cuore Benedetta Tobagi, che all’epoca aveva solo tre anni, cerca di ricostruire la figura del padre. Ricostruisce anche quel periodo storico: i tempi del Corriere della sera inghiottito dalla P2. Benedetta racconta di come il padre viveva quello che accadeva in via Solferino e come non si sia mai indagato abbastanza sul ruolo che la P2 ebbe nella sua fine.

Trent’anni dopo, qualcuno ha pensato che il modo migliore di commemorare Tobagi fosse fare del revisionismo su quella pagina di storia italiana, riabilitando l’editore del Corsera pidduista (qui L’Unità ricostruisce la vicenda).

In questo post un video realizzato (insieme a Giovanni Ansaldo e Dario Falcini) per il tg della Scuola di giornalismo intitolata a Walter Tobagi.

Nel servizio, oltre a Benedetta Tobagi, intervengono Franco Abruzzo (all’epoca era nella stessa corrente sindacale del giornalista ucciso; ora Abruzzo ha un’altra opinione sul ruolo della P2: “E’ chiaro che Gelli avesse tutti i documenti che riguardavano Tobagi. E beh? che significa?”) e Ranieri Orlandi, ex cronista di nera del Corriere. Orlandi era in redazione quando arrivò la notizia della morte del collega (sono i momenti descritti qui da Ferruccio De Bortoli).

Advertisements


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...