Primarie a Milano: le frasi del giorno – 66

Stefano Boeri. Dalle pagine de Il Giornale risponde a una polemica partita dal quotidiano con un articolo dal titolo «Quando il candidato sindaco Pd picchiava con la chiave inglese», in cui si accusava Boeri di aver partecipato nel 1975 all’aggressione del neofascista Antonio Braggion, che reagì sparando e uccidendo il 17enne Claudio Varalli, militante del Movimento studentesco e amico dello stesso Boeri. L’allora 19enne Boeri fu processato. «Se la cavò con l’amnistia», scrive Il Giornale. Oggi rilascia un’intervista al quotidiano di Via Negri:

Sembrerebbe che io in quegli anni facessi lo spranga­tore. Se ben ricordo, in realtà, le ho soprattutto prese. A spe­dirmi in ospedale furono quel­li di Autonomia Operaia

A diciott’anni io ero nel Movimento studente­sco. Erano anni di passioni, di turbolenze, tragici, drammati­ci. Non sempre chi ci guidava ebbe l’equilibrio giusto. Ci so­no stati molti giovani che han­no perso la strada, che hanno perso delle occasioni. E pur­troppo ci sono stati anche gio­vani che hanno perso la vita. C’erano incontri violenti con gli esponenti del neofascismo. La morte di Varalli mi ha fatto capire la follia di quanto acca­deva. Ma voglio ricordare che c’era chi, come il Movimento studentesco, a quegli scontri si preparava con sassi e bastoni. E chi, come Braggion, si prepa­rava con la pistola

Stamattina invece è stato intervistato da Radio Popolare. In diretta veniva aggiornato su Facebook il suo status con le frasi salienti:

L’alimentazione è un grande tema di democrazia sociale
Lo sgombero dei rom è il segno dell’incapacità di governare e di trovare soluzioni ai problemi
Tutti insieme, possiamo vincere, possiamo tutti insieme cambiare questa città
Diamo opportunità alle famiglie: la famiglia non è un tema di destra, è una delle risorse fondamentali di Milano
Immagino una Milano esplosiva nella cultura, serena nella vita quotidiana, e aperta nella capacità di integrare attraverso il lavoro

Giuliano Pisapia

Ci saranno oltre 100.ooo persone alle primarie, più dell’ultima volta

Repubblica Milano, pagina V

Valerio Onida

Cambiare si può, lo dice uno di 74 anni consapevole che poi spetterà ai giovani tirare su Milano. Intanto io ci metto la faccia.

Corriere della sera, pagina 13, intervistato da Elisabetta Soglio. Onida rilascia anche un’intervista a Repubblica Milano, pagina V, analoghi contenuti.

Annunci


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...