Primarie a Milano. Penati: «La Moratti non ha il 50%, si può battere». Agenda del giorno – 62

Tutti i candidati del centrosinistra sono sconfitti dalla Moratti, con un distacco che va dai 15 ai 24 punti percentuali. Così dice il sondaggio pubblicato ieri dal Corriere della Sera. Quale lezione trarne? «Letizia Moratti si può battere», dice Filippo Penati al Corriere, ex presidente della provincia di Milano ora nella segreteria di Bersani. Osserva Penati che il sindaco nelle rilevazioni non raggiunge il 50% dei consensi, dunque è «competibile».
Nel frattempo Affari Italiani, chiede a Onida di ritirarsi, «nel ricordo di Sarfatti» che aveva deciso di sostenere Boeri. Vero è che nel Pd «si comincia a temere un rischio», come scrive Elisabetta Soglio:

che gli stessi Boeri e Onida, con profili e mondi di riferimento abbastanza simili, entrambi all’esordio in politica, possano alla fine rubarsi voti a vicenda, regalando Pisapia, più conosciuto a Milano, attivo dall’inizio dell’estate e non nuovo all’impegno pubblico l’inconorazione delle primarie.

Per ora non si muove nulla. La rincorsa dei candidati arrivati dopo non è ancora partita, come mostrano anche gli appuntamenti di oggi:

Stefano Boeri (tace)

Valerio Onida (tace)

Giuliano Pisapia alle 21 è all’ Arci Bellezza – Via Bellezza 16 A per incontrare i cittadini e i miei sostenitori della Zona 5.

Annunci


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...