Invito all’ascolto: Scilipoti Original Soundtrack

È sempre più difficile contenere l’ammirazione nei confronti di Domenico Scilipoti. Se non bastasse il simbolo scelto per il suo Movimento di Responsabilità Nazionale (già segnalato da Alessandro Gilioli), in cui sincreticamente si giustappongono saggezza cinese, patriottismo e responsabilità, ci sarebbe da prendere in considerazione gli autorevoli vertici del movimento che si appresta al primo congresso regionale siciliano, il 2 aprile al Grand Hotel Baia Verde di Aci Castello (Catania).

 

Yin, Yang e Rocco Crimi

Ad esempio, presidente onorario del Movimento è il Maestro Stelvio Cipriani, ovvero l’indimenticato autore delle colonne sonore di tanta parte del grande cinema italiano degli anni Sessanta e Settanta. L’opera del Maestro merita di essere approfondita. Cipriani esordisce nel 1966 con El precio de un hombre, regia di Eugenio Martín, pellicola che immaginiamo stia molto a cuore del segretario del suo movimento. La carriera prosegue con Luana la figlia delle foresta vergine, Femina ridens, Intimità proibite di una giovane sposa. Ma la grande fama arriva soprattutto con Anonimo veneziano e gli indimenticabili poliziotteschi come La polizia ringrazia, La polizia chiede aiuto, La polizia ha le mani legate, La polizia sta a guardare.

Stringente attualità

 

Negli ultimi anni il maestro dà spazio alla sua vena mistica, realizzando le musiche di alcuni documentari commisionatigli direttamente dalla Santa Sede. «Nel 2007 è stato tra gli ospiti della “Notte degli Angeli” dedicata alla mistica Natuzza Evolo», ricorda Wikipedia.

Al congresso di Aci Castello sarà presente anche il presidente del Consiglio. Cipriani eseguirà dei brani in suo onore.

Advertisements

One Comment on “Invito all’ascolto: Scilipoti Original Soundtrack”

  1. Fulvio Sguerso ha detto:

    Perché ci mervigliamo? Scilipoti non è una tipica figura del qualunquista italico, un esempio e un modello vivente dell’eterna massima etico-politica dlla storia “bassa! italiana. “O Franza o Spagna pur che se magna”? Quanto al Tao, anche qui, che cìè di strano? Non lo sapevamo che il principio del giorno è nelle notte e il principio della notte è nel giorno? E inoltre: chi può mai dire dove sia il bene assoluto o il male assoluto? Lo sappiamo o no che non c’è bene che non possa portare al male o male che non possa risolversi in bene? E allora che cosa sono queste pruderie da bacchettoni tutti di un pezzo? Gli Scilipoti si piegano per non spezzarsi, le schiene dritte si spezzano per non piegarsi. Chi è più intelligente? Lunga vita al Presidente Berlusconi, prototipo dell’homo guicciardiniano (senza neanche immaginarlo)! Firmato:
    Un anonimo (ir)responsabile.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...