Manovra: Il governo cambia di nuovo idea sulla soglia d’invalidità

Togliamo la norma sull’invalidità per tutti.

Il senatore Antonio Azzollini torna indietro. Dopo un incontro con il ministro Tremonti, il relatore della manovra al Senato ha annunciato la nuova linea del governo sui tagli agli assegni di invalidità. La soglia non viene alzata all’85%, rimane al 74%. La protesta di tutte le associazioni dei disabili ha dato i suoi frutti.


Manovra: assegni di invalidità, ritornano i tagli

Prima il governo promette di ritirare l’articolo della manovra che taglia le pensioni d’invalidità. Poi si rimangia la parola. Il primo comma dell’articolo 10 della legge 78 del 2010 prevedeva l’innalzamento della percentuale di invalidità dal 74 all’85% per l’assegno mensile di 256,67 euro. Il taglio colpiva in particolare le persone down. Qualche giorno fa era stato annunciato il ritiro dell’articolo. Lo aveva fatto il relatore della manovra in commissione Bilancio al Senato, Antonio Azzollini, del Pdl.

Azzollini ha preso un impegno solenne con noi, questo ci rassicura

Così aveva detto, neanche una settimana fa, Pietro Barbieri, il presidente della Fish, la federazione italiana per il superamento dell’handicap. Oggi il governo ha nuovamente cambiato idea. Il limite viene tenuto al 74% solo nei casi di “patologia unica”. Franco Bomprezzi nel suo blog spiega che cosa vuol dire:

il limite viene comunque alzato all’85 per cento. Unica eccezione per le disabilità con invalidità al 75 per cento, certificata per una patologia unica, come, ad esempio, le persone con sindrome di Down. Tutti gli altri, se hanno una certificazione inferiore all’85 per cento, ma frutto della somma di più patologie invalidanti, il che avviene ad esempio quasi sempre per le persone anziane, o con patologie di origine psichiatrica, perdono il diritto all’assegno di invalidità di 256 euro. Lo perdono e basta. Gli verranno negati quei quattro soldi, per fare cassa.

E poi nel testo c’è un’altra novità. Vengono tagliate le indennità di accompagnamento. Ovvero quei 480 euro al mese dati a chi ha un’invalidità del 100%. Ora cambia la definizione, l’emendamento dice che potranno mantenerla

solo i cittadini nei cui confronti sia stata accertata una inabilità totale per affezioni fisiche o psichiche e che si trovino nella impossibilità permanente di deambulare senza l’aiuto di un accompagnatore, o, non essendo in grado di compiere il complesso degli atti elementari della vita, abbisognano di una assistenza continuativa.

Sempre Bomprezzi spiega che cosa significa:

Che si comincia a creare divisione tra paraplegici e tetraplegici, fra anziani che a fatica cercano di conservare un minimo di autonomia negli spostamenti e anziani che sono permanentemente a letto. Significa che si daranno questi 480 euro al mese solo a persone in stato di assoluta gravità. Gli altri, ossia tutti quei disabili che si muovono in carrozzina, che mantengono almeno in parte una certa autonomia personale, ma che ovviamente non sono totalmente autosufficienti, tanto che hanno comunque diritto alla certificazione di invalidità al cento per cento, si vedranno sottratta questa indennità, l’unica vera misura di sostegno alla vita indipendente e all’autonomia nel nostro Paese.

Per il 7 settembre le associazioni dei disabili hanno convocato una manifestazione di protesta a Roma. Forse non sperano neanche più che Azzollini cambi nuovamente idea.


Perdere tempo con le province

Il panorama delle Alpi biellesi fra Lessona e Cossato

Ora il ministro per la Semplificazione Roberto Calderoli è soddisfatto, per lui il taglio delle province è

Un segnale importante che dimostra come la Lega abbia agito e agisca con buonsenso. Sono gli altri che devono chiarirsi le idee: avevano disegnato la Lega come lo strenuo difensore delle province, e invece abbiamo tenuto fermo il nostro atteggiamento confermando quelli che erano i nostri obiettivi.

Ma quali erano gli obiettivi del partito di Calderoli?
Nella precedente versione dei tagli rischiava la soppressione anche una provincia amministrata dalla Lega: Biella. La domanda sorgeva spontanea: arriverà un cavillo per salvarla? Tempo due settimane e si è trovato il modo. Nell’ultima versione è arrivato il subemendamento Lorenzin: per le aree con un territorio montano per almeno il 50% il limite è di 150mila. Chi si salva grazie alla Lorenzin? Rieti, per la gioia del presidente di centrosinistra; Verbano-Cusio-Ossola e Crotone, amministrate dal Pdl; Sondrio e Biella, entrambe a guida leghista.

Che cos’altro è cambiato rispetto alla versione precedente del taglio? La soglia si abbassa, da 220 mila a 2oo mila. Si salvano così Matera e Massa Carrara (Pd) e Ascoli (Pdl).
Una beffa per Vercelli. Nelle precedente versione evitava la soppressione, grazie al vincolo che teneva in vita chi confina con l’estero. Quella norma preservava anche Belluno (Lega), che con i suoi 217mila abitanti ora non ne ha più bisogno, e Sondrio, terra di Tremonti. Evidentemente ora non serve più neanche a loro, vista l’abbondante montagna valtellinese.

Le vittime dovrebbero essere: Vercelli (commissariata, dopo l’arresto del presidente ex An), Fermo (presidente di Sel), Vibo Valentia (Pd) e Isernia (Pdl).

Quella molisana rimane l’unica amministrazione vicina al governo a cadere. Come fare per non soccombere? A suo tempo una proposta l’aveva avanzata il presidente del Consiglio regionale Michele Picciano:

In Molise occorrono assolutamente due Province altrimenti i Collegi elettorali andrebbero a coincidere con quelli regionali.

E comunque l’uomo ovunque della Lega, Gianluca Buonanno, rassicura anche i vercellesi, di cui è stato vicepresidente:

Innanzitutto prima che questo iter parlamentare si concluda arriveremo a fine anno; poi, per l’applicazione, dovremo attendere i due anni previsti dal codice delle autonomie. Dunque un fatto è certo: nel 2011 si andrà a votare per il rinnovo dell’amministrazione provinciale che dovrà arrivare fino al termine della legislatura: 5 anni. Quindi Vercelli potrebbe rischiare di scomparire nel 2016. C’è tutto il tempo affinché le cose cambino, e anche radicalmente.

Fine legislatura. Se ha ragione Buonanno, per Isernia e Fermo c’è tempo fino al 2014, per Vibo fino al 2013.

Ma allora, se non si alza neanche una lira, perchè mettere la norma nella manovra?

Aggiornamento: QED


Gli immigrati salvano Lodi

(per Vita.it)

La provincia leghista dovrà ringraziare gli immigrati. Lodi evita di un soffio la scure di Tremonti. La manovra prevede la soppressione sotto i 220mila abitanti, i lodigiani sono 225mila. Decisivi i più di 20mila residenti provenienti da altri paesi. Il presidente Pietro Foroni, 34enne della Lega Nord eletto neanche un anno fa, la sua giunta e il consiglio possono rimanere al loro posto.

Ieri c’era stata la retromarcia sul provvedimento: il presidente del consiglio Silvio Berlusconi aveva spiegato che per l’abolizione occorrerebbe una norma costituzionale. In mattinata invece è arrivata la conferma: «Sono soppresse le province la cui popolazione residente risulti, sulla base delle rilevazioni dell’Istat al 1 gennaio 2009, inferiore a 220 mila abitanti», dice l’articolo 5 del decreto legge della manovra.

Lodi è salva, quindi. Le cose per loro sarebbero andate peggio se i dati considerati fossero stati quelli dell’ultimo censimento del 2001. Allora infatti i lodigiani erano 197.672. Ma che cosa è accaduto in questi dieci anni? Sono arrivati 21.728 nuovi cittadini, tutti immigrati.

È cambiato così il volto della provincia nata nel 1992 con decreto del presidente della Repubblica Francesco Cossiga. Allora 61 comuni avevano “divorziato” da Milano. L’8 giugno del 2009 il centrodestra strappa l’amministrazione al centrosinistra, viene eletto il candidato leghista col 54,2%. dei voti. Senza gli stranieri ora avrebbe dovuto già rinunciare al suo incarico, anche se, fa notare «oltre agli immigrati, ci sono molti milanesi che decidono di venire a vivere nella nostra provincia». Pensare che  solo 4 giorni fa un sondaggio del quotidiano Il Giorno (nessun valore scientifico della rilevazione) dava un esito preoccupante per gli amministratori: L’81% dei lettori considerava la provincia «uno spreco». Ora avranno la possibilita di fargli cambiare idea.


Quiz: Quante sono le province soppresse?

Il Post riporta le diverse versioni. Repubblica dice nove (box a p. 7 e commento di Boeri a p.28). C’è solo la strada dice dieci. Repubblica esclude dalla lista Biella. Chissà perchè. I biellesi sono circa 187mila, non confinano con l’estero e non sono a statuto speciale. (Confinano con una regione a statuto speciale, ma non è proprio la stessa cosa). La Stampa dice quindici ma si riferisce ai dati del censimento 2001. Il Messaggero dice dieci. Però esclude sempre Biella e ci mette Vercelli, che a nord confina, per un lembo di terra con lo svizzero Canton Vallese. Quindi salvi anche loro per il «comma Sondrio», quello che garantisce lunga vita anche alla provincia che ha dato i natali a Tremonti, come avevamo già fatto notare ieri. Il Tempo dice nove (escludendo Asti). Che diventano cinque, causa accorpamenti, secondo l’opinione del presidente della provincia di Rieti. Cioè: Ascoli e Fermo di norma scomparirebbero entrambe, ma essendo limitrofe di due se ne farà una. Altri accorpamenti forse riguardano le regioni che diventerebbero “monoprovincia”, Come il Molise, se sparisse Isernia; la Basilicata, se diciamo addio a Matera, e la Calabria (che perdendone due potrebbe avere una grazia e passare così da cinque a quattro anzichè a tre).

Ricapitolando:

di norma srebbero tagliate in dieci: Asti, Matera, Ascoli, Massa-Carrara, Biella, Crotone, Vibo Valentia, Fermo, Rieti e Isernia

se consideriamo i generosi  accorpamenti i più sfortunati sarebbero quelli di Asti, Massa Carrara, Biella, Vibo Valentia, Fermo e Rieti. Totale sei.

Qui il seguito


La beffa dell’abolizione delle province. Soppresse solo 10 su 110

Tagli, sacrifici per tutti. Anche per la casta. Così si dice. E finalmente aboliamo le province. Tutte? Proprio tutte tutte no, non esageriamo. Solo quelle sotto i 220mila abitanti. Quante sono? Su un totale di 110 province, comprese quelle di nuovo conio, sotto la fatidica soglia ce ne sono 24. Più di un quinto del totale. Sarebbe comunque una svolta epocale. Un superamento delle coriacee resistenze della Lega su questo tema. Si andrebbe dai più di 217mila abitanti della provincia di Asti ai neanche 60mila della neonata Ogliastra.

Però. Leggendo meglio l’annuncio del governo si apprende che dal computo vanno escluse “le province delle regioni a statuto speciale”. E vengono così risparmiate dalla scure Aosta, Gorizia, Enna e le neofite province sarde: Oristano, Nuoro, Olbia-Tempio, Carbonia Iglesias, Medio Campidano e Ogliastra.

Ma non solo. Si salvano anche quelle che “confinano con stati esteri”. E allora avranno lunga vita anche a Belluno, Imperia, Sondrio, Vercelli e pure Verbano-Cusio-Ossola. Così possono tirare un sospiro di sollievo anche i concittadini del Ministro Tremonti (qualcuno già era in ansia). Sondrio a nord e a ovest confina con la Svizzera. Sia lodato il Cantone dei Grigioni.

Chi rimane? Le sfortunate sono Asti, Matera, Ascoli, Massa-Carrara, Biella, Crotone, Vibo Valentia, Fermo, Rieti e Isernia. Dieci su centodieci. E comunque la sparizione avverrebbe “a partire dalla prossima legislatura provinciale”. C’è ancora un po’ di tempo per sperare anche per loro. Le rimanenti cento province possono dormire sonni tranquilli.

Che poi, chissà perchè l’asticella è stata fissata a quota 220mila. Perché non arrotondare per difetto, ad esempio? Un po’ più in giù, a quota 200mila, si sarebbero salvate anche Asti, Matera, Ascoli e Massa-Carrara. Oppure, per eccesso, a 250mila abitanti, così si sarebbe data una sforbiciata anche a Terni, Rovigo, Grosseto, Campobasso e Lodi.

Lodi, appunto. Il primo a gioire della bizzarra soglia sarà proprio il 35enne Pietro Foroni, leghista presidente della provincia, che neanche un anno fa aveva strappato il lodigiano al centrosinistra. Amministra 225.253 cittadini, secondo i dati del Bilancio demografico mensile elaborato dall’Istituto nazionale di statistica sulla popolazione residente al 30 settembre 2009. Appena un filino sopra la fatidica quota 22o.

(A Lodi, facendo i conti con i dati dell’ultimo censimento 2001, già si preoccupavano. Anche se, a dire il vero, non è ancora chiaro quali numeri il governo vorrà prendere in considerazione. Anche a Terni, sono in agitazione: stando ai dati 2001 gli mancherebbero solo 124 abitanti. Una vera beffa. Nel 2009 però sarebbero sui 233mila, quindi tutti tranquilli. Certo, per ora sara il caso di mettere da parte il sogno della provincia Foligno-Spoleto-Valnerina che gli umbri covano da tempo).

Segue qui, qui e pure qui