Letizia non ha abolito l’ecopass, me lo ha detto via twitter

I manifesti che si trovano in giro per Milano sono questi:

Un caso palese di «pubblicità ingannevole», come ha già detto oggi Luca Sofri.


Ecco dov’era finito Ghedini


Dicastero

Assessore nella giunta della Moratti? No, ho già preso un impegno coi lombardi. Pero’ eventualmente mi interesserebbe seguire il dicastero delle politiche giovanili: di queste cose non se ne può occupare un cinquantenne.

Renzo Bossi, dal suo blog


Effetto Vendola?

Per le primarie milanesi erano state preparate 160mila schede. Ne sono state utilizzate meno di 70mila. Sebbene qualcuno neghi, il risultato è stato molto al di sotto delle aspettative. Anche per questo i vertici locali del Pd hanno «messo a disposizione il mandato». Colpa della pioggia? Del derby? Dei democratici alle prese col «porta per porta»? Forse. Ma la scarsa affluenza è il dato che dovrebbe far riflettere di più in vista del voto.

Dopo il risultato di ieri tutti hanno parlato di «Effetto vendola». Si trascura il fatto che in Puglia, alle ultime consultazioni della coalizione, il governatore ha portato a votare 200mila persone. Non erano mai stati cosi tanti nella regione.

I milanesi che hanno votato per Pisapia sono stati 30553. A Milano gli elettori sono più di un milione, l’ultima volta la Moratti ha vinto con 353.409 voti. Si potrebbe calcolare che per rivedere la sinistra a Palazzo Marino mancano almeno 320mila voti. Ieri ai festeggiamenti tra i fan di Pisapia all’arci Bellezza una frase ricorrente era «Sono le prime elezioni che vinco in vita mia». Affinché non siano anche le ultime è bene tenere a mente l’impresa che dovrà compiere il candidato da qui a marzo.


Primarie a Milano. La rimonta di Boeri

L’architetto potrebbe battere la Moratti. L’ultimo sondaggio, pubblicato da Repubblica, dà Stefano Boeri a meno di un punto percentuale di distacco dal sindaco uscente. In poco più di due settimane lo scenario è sensibilmente cambiato. Secondo i dati di oggi Letizia Moratti sarebbe al 41,7 per cento,contro il 40,8 di Boeri. Giuliano Pisapia arriverebbe al 36,2 %, con la Moratti  al 38,3; Valerio Onida al 34,5 con il sindaco uscente fermo al 38. «Con Pisapia e Onida gli indecisi superano il 25 per cento, con Boeri sono al 17,5», nota la Ipsos.

Numeri che colpiscono soprattutto se confrontati a quelli del sondaggio pubblicato il 13 settembre sul Corriere: neanche venti giorni fa il candidato più pericoloso era Pisapia, che avrebbe ottenuto il 31% contro il 46 della Moratti; Boeri era fermo al 26%, con il sindaco al 47%; con Onida sarebbe finita invece 47 a 23.

Le rilevazioni di Mannhaimer erano state svolte il 7 e l’8 settembre. Le ultime Ipsos tra il 25 e il 27.
Cosa è cambiato diciotto giorni dopo? La Moratti è indebolita, con un consenso giù di almeno 5 punti, mentre nel centrosinistra si ribalta l’ordine dei concorrenti. Pisapia sembrava staccare tutti e invece ora c’è il sorpasso di Boeri.
Come si spiega? Che cosa è successo in tre settimane scarse? Forse il calo dell’amministrazione si giustifica con gli imbarazzi legati alle contraddizioni del sindaco sulle case popolari ai Rom e col disastro organizzativo seguito all’esondazione del Seveso. A sinistra invece è iniziata la vera e propria campagna delle primarie. E se a inizio settembre Pisapia godeva del vantaggio della partenza anticipata, adesso l’architetto ha iniziato a fare sul serio. Risultato: il 15% delle preferenze in più e la Moratti a un soffio. Non hanno quindi avuto grosse conseguenze le divisioni interne e le discussioni dopo la scelta del Pd di appoggiare la sua candidatura. Saranno stati invece efficaci gli incontri coi cittadini e i primi confronti a tre (a proposito, a quando il prossimo?).

(Per farsi un’idea basta dare un’occhiata alla cronaca della serata di ieri. Boeri ha affrontato un pubblico difficile all’arci Bitte. Non si è sottratto alle domande. Con giudizi negativi su Moratti e l’ultimo Penati presidente della provincia. Tra ricordi di gioventù e risposte su rom, sicurezza, casa e i suoi rapporti con la «cricca»)


Primarie a Milano. L’Italia dei valori si chiama fuori. Ma anche dentro

«Primarie, l’Italia dei valori non ci sta “Non sosterremo nessuno dei tre”». «L’Idv sulle primarie “Non partecipiamo”». Così titolano i giornali di oggi, riprendendo le dichiarazioni del coordinatore Giulio Cavalli, l’attore finito sotto scorta per i suoi spettacoli di denuncia contro la mafia, eletto consigliere regionale alle ultime elezioni.

Cavalli oggi però ha chiarito la posizione del partito dal suo blog:

L’Idv a Milano non “molla le primarie” né “si chiama fuori” ma, più semplicemente, lascerà ai cittadini l’onere e l’onore di essere il motore di questo percorso (e quindi lascerà ai propri iscritti il diritto ed il dovere di votare ognuno con la propria convinzione ) continuando a fare il “partito” sui temi, sui punti irrinunciabili e le proposte. Perché la cottura di un programma e della “famiglia” oggi è una speranza, un disegno e non deve essere strategia. Ed è grossolano e svilente pensare che uscito il candidato ci si sieda per cercarsi di aggiustare: quanto potremmo piacerci (noi al candidato e il candidato a noi) si annuserà cammin facendo e ascoltando quanto parleremo la stessa lingua. Tutto il resto sono stanzette dove quattro dirigenti di partito aggiustano il tiro. E questo proprio non ci interessa.

Allora se capisco bene, il partito di Di Pietro lascia agli iscritti libertà di voto. E ciò è sacrosanto ed è pure un bel gesto. Cosa voterebbero gli elettori dipietrisiti il 14 novembre? Si immagina che nutrano molte simpatie per Onida; un po’ meno per Pisapia – l’avvocato è troppo garantista per i gusti dell’Idv -; nessuna simpatia per Boeri, macchiatosi del peccato originale di avere in un qualche modo lavorato per Ligresti.

Cavalli dice che sarebbe «grossolano e svilente pensare che uscito il candidato ci si sieda per cercarsi di aggiustare». L’attore è in politica da pochi mesi ma già usa un linguaggio da addetto ai lavori. Tradotto potrebbe voler dire: se Boeri vince le primarie non lo sosteniamo neanche se viene giù la madonnina. Dunque, ora votiamo (probabilmente Onida) se vince siamo contenti, se no ci chiamiamo fuori.

A quel punto qualcuno avanza l’ipotesi che l’Italia dei Valori presenti un suo candidato: forse lo stesso Giulio Cavalli. E alle comunali di marzo la Moratti sommersa dal Seveso potrebbe trovare l’insperato soccorso di una nuova brillante divisione a sinistra. Per usare le parole di Cavalli, una mossa davvero «spiazzante».


Primarie a Milano. Ieri pioveva: Che cosa ne pensano Boeri e Pisapia. Le frasi del giorno – 56

A Milano ieri pioveva. Ma di brutto. Disagi per i cittadini. Un sindaco si deve preoccupare di problemi come questo. Ecco come commentano due dei candidati del centrosinistra.

Stefano Boeri:

Una città che vuole ospitare un evento internazionale come Expo, non può allagarsi dopo un semplice temporale. Vedere per l’ennesima volta in pochi mesi un pezzo di questa città sott’acqua e linee tramviarie e stazioni della metropolitana fuori uso è un insulto, oltre che un danno, per i milanesi. Ma è anche una vergogna per chi da 20 anni amministra questa città.

La realizzazione di un canale scolmatore per arginare l’esondazione del Seveso non è più rinviabile. Ma bisogna dare vita subito a un grande progetto di gestione dei flussi e della qualità delle acque, sia di superficie che sotterranee, che attraversano Milano. Dal Seveso al Lambro, dalla Darsena all’Olona, Milano rischia di perdere il controllo di una componente essenziale della sua storia e del suo territorio.

Giuliano Pisapia:

Come accade ogni volta che piove intensamente, ieri il Seveso è nuovamente esondato causando enormi disagi ai cittadini. È vergognosa la manifestazione di inefficienza che si riproduce puntualmente ogni volta che ci sono giornate di pioggia intensa a Milano, dove da decenni si creano emergenze come quella registrata ieri. È del tutto evidente che il Comune di Milano – malgrado le ripetute promesse della Giunta Moratti – non ha fatto gli interventi necessari per la manutenzione di strade e fogne. Ancora un volta, si manifesta gravemente l’inefficienza di questa Giunta, non solo in caso di emergenze, ma anche di fronte a manifestazioni del tutto prevedibili

E sul suo blog aggiunge:

Diciassette anni di centrodestra non sono bastati a risolvere un problema degno del terzo mondo.
Milano come il Kashmir?